Perché scegliere Verona

Verona è il luogo di incontro naturale tra il business e il turismo. Al centro di numerosi distretti produttivi che caratterizzano un’economia polisettoriale, Verona è la dodicesima provincia italiana per numero di imprese.
Insieme ad un settore agricolo forte – Verona è prima provincia italiana esportatrice di vino e terza per export di prodotti agricoli-, la provincia scaligera vanta posizioni di leadership in diversi settori economici: dall’industria alimentare ai macchinari e la termomeccanica, al marmo e la moda (abbigliamento e calzature). La distribuzione percentuale delle imprese registrate tra i diversi settori economici evidenzia una incidenza pari al 16,6% per l’agricoltura (15.947 sedi di impresa), al 10,7% per il settore industriale, che comprende le attività manifatturiere in senso stretto, quelle estrattive e le multiutilities (energia, reti idriche, rifiuti), con 10.299 imprese, al 15,3% per le costruzioni (14.678 imprese).

La provincia veronese è il crocevia naturale di due fondamentali direttrici di trasporto europee, la Stoccolma-Palermo e la Barcellona-Kiev, che rappresentano l’anello di congiunzione tra nord e sud Europa e tra ovest ed est.

Nel corso degli anni Verona ha sviluppato un grande sistema logistico, che sta diventando uno dei più importanti del sud Europa, composto da Aeroporto Catullo, Cargo Center, Interporto Quadrante Europa, il più grande centro intermodale a trasporto combinato stradale-ferroviario-aereo d’Europa, Veronamercato, Sistema logistico (Circoscrizione doganale, centro spedizionieri, centro autotrasportatori), Sistema ferroviario (terminal trasporti combinati, raccordo ferroviario) e dalla stessa Fiera di Verona.

Verona è la sesta provincia italiana per numero di presenze turistiche, con i pernottamenti che hanno superato nel 2015 quota 15 milioni.

Verona, il Lago di Garda e il suo entroterra, le aree montane del Baldo e della Lessinia, la Valpolicella, ma anche l’Est e la Pianura veronese, sono visitate da numerosi turisti, italiani e non. Insieme al turismo lacustre, che attira ogni anno milioni di turisti, e il turismo culturale, legato a Verona città d’arte, al Festival lirico dell’Arena di Verona e all’Estate Teatrale Veronese del Teatro Romano e del Cortile Mercato Vecchio, nella nostra provincia convivono il turismo montano, enogastronomico, d’affari e congressuale.

La Fiera e la città hanno un forte legame, storico ed economico – l’attività della Fiera si traduce, annualmente, in un indotto di notevoli proporzioni in termini valutari (1 miliardo di euro) e di occupazione, che ha radici profonde e ben consolidate.

Il Lago di Garda conferma la propria vocazione all’accoglienza turistica, soprattutto straniera (con oltre 10 milioni di presenze), registrando complessivamente nel 2015 sia un aumento sia degli arrivi, che raggiungono quota 2.600.862 (+8,1%), sia delle presenze (12.012.256, +4,4%). Le giornate medie di presenza sono 4,6. I flussi stranieri presentano un +3,9% per le presenze; sono in aumento anche le presenze di turisti italiani (+6,8%).